8 cose diverse tra freelance e lavorare in un’azienda

università e studio - 大学と研究
Book in library with open textbook,education learning concept

Ciao a tutti. Mi chiamo Honoka. Lavoro come traduttrice freelance per un’azienda italiana.

In questo articolo, metterò a confronto il freelance con il “lavorare in un’azienda” generico.

  1. Non esiste il concetto di “salario orario” che significa che lo stipendio è determinato dalle ore lavorate, ad esempio un’ora, un giorno o un mese. Ad esempio, se un progetto ricevuto per 100 euro (circa 10.000 yen) viene completato in 1 ora, la paga oraria sarà di 100 euro, ma se ci vogliono 5 ore, la paga oraria scenderà a 20 euro. In altre parole, i salari possono fluttuare indefinitamente a seconda del tempo, del caso, della difficoltà del progetto e delle capacità della persona. Al contrario, se può essere completato in 30 minuti, la paga oraria sarà di 200 euro. Ciò non significa che dovresti finire il lavoro in anticipo. Se la qualità non viene mantenuta, non potrai continuare a lavorare.
  2. Non esiste nemmeno il concetto di “salario minimo”. Nell’esempio precedente, se un lavoro ricevuto per 100 euro richiedesse 100 ore, la paga oraria sarebbe di 1 euro, ben al di sotto del salario minimo. Si dice che l’Italia non abbia un salario minimo in primis… Pertanto, se non trovi un lavoro, puoi spesso guadagnare molti più soldi da quel lavoro part-time.
  3. Nasce “Tempo di attesa”. I lavori di traduzione non vengono tutti i giorni e possono esserci tre lavori al giorno (di solito chiamati “progetti”). Non importa quanto tempo attendo il lavoro o la mia capacità di lavorare, non posso lavorare senza lavoro. Naturalmente, non c’è stipendio durante questo tempo di attesa. Tenendo conto di ciò, potrebbe essere più redditizio avere un lavoro part-time che può essere convertito in salario orario.
  4. Le possibilità sono infinite e dipende con “capacità individuali”. Nel caso di un’azienda, anche se c’è un capo incompetente, i subordinati sono ottimi, ma il capo può avere uno stipendio più alto, ma il libero professionista no. Se l’individuo è eccellente, arriverà un numero qualsiasi di progetti. Anche l’età non conta. D’altra parte, se il lavoro non è eccellente, non ci saranno buoni progetti anche se sei vecchio. In buone parole, i tuoi sforzi vengono valutati correttamente.
  5. Non c’è idea di “sistema di anzianità”. Come ho detto prima, ciò che conta è quanto bene puoi fare un lavoro, non la tua età. Tuttavia, c’è una forte tendenza a enfatizzare l’esperienza lavorativa. Ad esempio, è meglio avere 3 anni di lavoro di traduzione all’età di 25 anni che una persona inesperta all’età di 30 anni. Inoltre, ci sono molti progetti per i quali non puoi nemmeno candidarti se non hai esperienza pratica. L’esperienza lavorativa in questo momento è il numero di anni, non il numero di posti di lavoro. Pertanto, in generale, puoi guadagnare di più nel secondo anno rispetto al primo anno e nel terzo anno rispetto al secondo anno.
  6. Non esiste la cultura dell'”assunzione di neolaureati”. È importante avere esperienza di lavoro, non giovani. Pertanto, puoi essere freelance a qualsiasi età. Dal momento in cui decidi di diventare freelance, puoi cercare un lavoro e diventare freelance. La soglia per lavorare è bassa.
  7. Non sei legato a “una società”. Dipende dalla persona, ma siccome non abbiamo progetti tutti i giorni, spesso apparteniamo a più aziende. In primo luogo, nessuna azienda vieta i lavori secondari. In questo modo, puoi guadagnare di più. Pertanto, in primo luogo, non esiste il concetto di “lavorare in questa azienda fino all’età della pensione”. È comune andare in un’azienda con un trattamento migliore. In primo luogo, non esiste il concetto di “età pensionabile”. Non sono molti i casi che stabiliscono un limite massimo di età.
  8. È normale “lavorare da remoto”. Se sei un libero professionista, è normale lavorare da casa. So solo che l’ufficio è da qualche parte a Roma. Pertanto, è necessario conoscere la conoscenza dei personal computer e come utilizzare uno strumento chiamato CAT tool. Non ho bisogno di Illustrator o Photoshop perché è un lavoro di traduzione e non ho bisogno di Office. Tuttavia, una digitazione più veloce è estremamente vantaggiosa.

Inoltre, la mia azienda gestisce le tasse in Italia e le ritenute d’acconto, quindi non devo sbrigare pratiche relative alle tasse.

A proposito, non penso di lavorare per questa compagnia di traduttrice per il resto della mia vita. È vero che posso guadagnare un sacco di soldi se convertiti in salario orario, ed è facile lavorare perché posso lavorare quando voglio e quando posso, ma il freelance è un lavoro che deve fare da sola e non posso creare connessioni, conoscere amici…. Inoltre, non ci sono molte cose che possono essere utilizzate come risultati.

Il futuro che vorrei non è stato deciso. Per diventare un ricercatore o un traduttrice professionista (in questo caso, non freelance) che ha una qualifica equivalente a un interprete guida in Giappone (non ho indagato quali qualifiche ha l’Italia in primo luogo) mi chiedo se lo sarà. Non ho deciso innanzitutto se trovare un lavoro in Giappone o in Italia. È più realistico trovare lavoro in Giappone perché è difficile per gli italiani trovare lavoro in Italia e non devo ottenere il permesso di soggiorno. Naturalmente, se ho la possibilità di lavorare presso Poste Italiane, vorrei tantissimo lavorare con loro. Nel mio tempo libero, dirigo anche una onlus legata alle vittime del terremoto, e se l’operazione va a buon fine, penso che sia giusto lasciare quel lavoro. Tuttavia, è quasi impossibile vivere da soli in una onlus, quindi probabilmente lavorerai nel tuo tempo libero mentre svolgi del lavoro.

In primo luogo, mi sono iscritto alla Facoltà di Psicologia, perché mi interessava la psicologia e non avevo intenzione di diventare una psicologa fin dall’inizio. Era ovvio che uno psicologo non era adatto a me. Tuttavia, certamente aiuta il funzionamento della onlus per i terremotati.

コメント

タイトルとURLをコピーしました