ようこそ! / Benvenuti!

Poste Italiane è un AMORE, Traduttrice, insegnante di lingua giapponese, Blogger e Youtuber.
イタリアの郵便局(ポステ・イタリアーネ)を心から愛しています。翻訳者、日本語教師、ブロガー、YouTuber。
I love Poste Italiane (Italian Post Offices). Translator, teacher of Japanese language, Blogger and YouTuber.

I miei libri / 出版した本 / My books
スポンサーリンク / sponsorizzazione

Autoimmolazione e “morte inevitabile” – Non esiste un modo facile di morire, ma esiste un modo doloroso di morire

スポンサーリンク / sponsorizzazione
seaside senza categoria
Photo by Fabian Wiktor on Pexels.com
この記事は約8分で読めます。
スポンサーリンク / sponsorizzazione

Ciao.

Nel 2014 c’è stata una persona che si è suicidata per autoimmolazione a L’Aquila (la città dove studiavo all’estero). Questa volta parlerò dell’autoimmolazione e del suicidio in generale.

スポンサーリンク / sponsorizzazione

Teoria generale sull’auto-immolazione

L’autoimmolazione è più dolorosa di altri mezzi di suicidio. Le persone che si suicidano per auto-immolazione muoiono lentamente con una chiara coscienza, quindi si pentono delle loro azioni e si prendono del tempo per morire inevitabilmente. Pertanto, anche il disagio fisico è grande e il disagio mentale è in modo schiacciante maggiore di altri mezzi, quindi si dice che l’autoimmolazione non dovrebbe mai essere selezionata nemmeno quando si tenta il suicidio.

Come puoi vedere, ci sono molti modi per suicidarsi, ma l’autoimmolazione è il più doloroso e irreversibile. Anche se ti penti di essere morto, è improbabile che tu venga salvato. Per questo motivo, non direi “non morire” a chi pensa al suicidio, ma darei un consiglio realistico che “si dovrebbe fermare solo l’autoimmolazione”. Certo, non esiste un modo semplice per morire (a parte l’eutanasia), ma vorrei che ti suicidassi nel modo più semplice possibile. Certo, spero davvero che i lettori e i loro amici non si suicidano. Sto pregando per te.

Non dirò di no sul suicidio

Ecco i miei pensieri sul suicidio. Non mi fermo quando il mio conoscente vuole morire o suicidarsi. Se smetti di suicidarti e non ti prendi cura di lui nel modo giusto, finisci per soffrire più di quanto muori. È chiaro che anche se potesse fermare il suo suicidio sul posto dicendo irresponsabilmente “Non morire”, non sarebbe una soluzione per lui, e forse per lui sarebbe abbandonato. Immagino sia più difficile.

Quindi, dopo avergli dato tutto il sostegno possibile e averlo portato nelle istituzioni di cui ha bisogno (psichiatria, medicina psicosomatica, sostegno psicologico, case famiglia, consulenza, riposo, viaggi, ecc.), anche con le dovute cure, ci sono persone che dicono , “Voglio ancora morire.” Il “voglio morire” che una persona del genere pensa è spesso privo di significato o fa tutto ciò che la persona media può pensare. Quindi, non importa quanto mi sforzi, non credo di avere il diritto di fermarlo se alla fine è “davvero” il suo desiderio.

Certo, puoi prevenire il suicidio se sei in un ospedale psichiatrico, ma non credo sia una vera soluzione. Certo, non nego l’importanza del ricovero per un breve periodo di tempo (meno di un mese, al massimo tre mesi), ma soprattutto nella psichiatria giapponese, sono intrappolato in un ospedale psichiatrico per molti anni. Lo chiamano “trattamento”, ma questo non è altro che una violazione dei diritti umani.

Le persone che hanno tentato di suicidarsi apprezzano di essere vive?

Sento spesso la frase: “Il suicidio è la mia più grande gioia”. Naturalmente, in quasi tutti i casi, pensare al suicidio non è uno stato mentale normale e richiede supporto e intervento psichiatrico. Ci sono alcuni amici intorno a me che in realtà hanno tentato il suicidio e sono sopravvissuti, quindi ho chiesto loro a riguardo.

Molti di loro si sono pentiti di aver tentato il suicidio ed erano grati che il personale medico avesse salvato loro la vita. Il mio amico C ha tentato il suicidio circa 10 anni fa, poi ha richiesto due mesi di assoluto riposo e cinque mesi di riabilitazione, e ha ancora dolorose cicatrici su tutto il corpo. Ha detto: “Ci possono essere molte difficoltà e dolori nella vita, ma ho imparato che ci sono soluzioni diverse dal suicidio, quindi non dovrei mai fare cose così stupide la prossima volta. Necessità In quel momento, ho imparato l’importanza di chiedendo aiuto, e ho anche imparato che ci sono persone che possono aiutarmi. Sto cercando varie soluzioni con uno psicologo”.

L’amico M, che è in sedia a rotelle e paralizzato, ha detto: “Certo che non l’ho detto tentato suicidio è stato meraviglioso, e ho provato molto dolore e dolore. Tuttavia, riabilitando e riposando lentamente, sono stato in grado di vedere quanto le persone intorno a me mi amavano, ma era qualcosa che potevo provare se prendevo un congedo senza tentare il suicidio, tranne che sarei morto in quel momento. Non sono riuscito a trovare una soluzione per questo. Sono profondamente grato agli operatori sanitari. “

コメント / Commentare

タイトルとURLをコピーしました