ようこそ! / Benvenuti!

Poste Italiane è un AMORE, Traduttrice, insegnante di lingua giapponese, Blogger e Youtuber.
イタリアの郵便局(ポステ・イタリアーネ)を心から愛しています。翻訳者、日本語教師、ブロガー、YouTuber。
I love Poste Italiane (Italian Post Offices). Translator, teacher of Japanese language, Blogger and YouTuber.

I miei libri / 出版した本 / My books
スポンサーリンク / sponsorizzazione

Impara una lingua straniera in modo efficiente con parafrasi!!!

スポンサーリンク / sponsorizzazione
photo of thunderstorm senza categoria
Photo by Rodrigo Souza on Pexels.com
この記事は約9分で読めます。
スポンサーリンク / sponsorizzazione

Un cinese residente in Italia che non conosceva la parola “Pollo” (non c’è certezza che sia un cinese, ma solo “popoli asiatici, soprattutto asiatici orientali con la pelle chiara”” Le implicazioni sono che i giapponesi non possono vedere francesi, italiani e spagnoli), ma con un uovo (Uova) chiedono: “Dov’è tua mamma? (Dov’è la mamma?)” Si dice che fosse. Questo meme è diventato abbastanza famoso in Italia.
Molti ridevano (perché è semplicemente divertente, non disprezzo), ma questo è il modo più efficace per migliorare le tue abilità linguistiche.
Come per la mia lingua madre, il giapponese, nessuno dovrebbe ricordare tutto il vocabolario. Ad esempio, non conoscevo la parola “stato fantoccio” fino a poco tempo fa, e non sapevo che leggesse “kairai” fino a poco tempo fa. Nello specifico, si può affermare che “la Manciuria è uno stato fantoccio del Giappone”. Ovviamente, se diventa una lingua straniera, il numero dei vocabolari ovviamente diminuirà, e sostanzialmente non supererà il vocabolario della lingua madre.
Scrivo “madrelingua”, ma è meglio non dire “madrelingua”. Perché, nel caso di una nazione (quasi) monoetnica chiamata giapponese, “una persona che si identifica come giapponese = titolare di nazionalità giapponese = anche i genitori si identificano come giapponesi e mantengono la nazionalità giapponese = anche la loro lingua madre è la loro madre Non c’è dubbio che puoi pensarlo come “giapponese”, ma se sei un francese che vive in Italia, ad esempio, se è una prima generazione, potresti pensare “Il mio paese d’origine è la Francia” o ” Il mio paese d’origine è l’Italia”. sconosciuto. Dipenderà dalla sua autoidentificazione, dalle circostanze e dal paese a cui è più affettuoso. E quando si parla di seconda generazione, potrebbe ammettere: “I miei genitori sono francesi, ma io sono italiano perché vivo in Italia da molto tempo”. Non si può sempre dire che “una persona che si identifica come giapponese = titolare di nazionalità giapponese”. È lo stesso in ogni paese. Dove pensare al tuo paese d’origine è lo stesso problema. Pertanto, è meglio dire “lingua madre” quando si parla di “una lingua che non ho imparato come lingua straniera e che sono stato in grado di parlare quando ne ero consapevole”, e penso di sì. Ad esempio, nel caso di metà Giappone e Italia, se il “paese di origine” è il Giappone o l’Italia sembra ripetersi, ma sarà diverso a seconda della persona. Pertanto, anche l’idea di “lingua madre” è diversa.
La storia è andata storta. Pensa all’apprendimento di una lingua straniera. All’inizio imparerai parole semplici, grammatica e frasi fisse (saluti, ecc.) senza conoscerle affatto, per poi passare ai livelli intermedio e avanzato. Naturalmente, non tutti saranno avanzati, ed è del tutto possibile che smettano di studiare prima, pensino che “questo è abbastanza”, o anche se studiano, non miglioreranno molto. E soprattutto i principianti hanno un livello inferiore di vocabolario e grammatica che conoscono. Tuttavia, quando devi spiegare in una lingua straniera a qualcuno che non conosce la tua lingua madre, puoi, ovviamente, cercare un dizionario o utilizzare Google Translate, ma potrebbe non essere così. In tal caso, è meglio utilizzare il metodo della parafrasi descritto all’inizio.
Ad esempio, supponiamo che tu voglia dire “tè”. Una traduzione letterale del giapponese sarebbe “tè di colore rosso”, ma questo potrebbe non avere senso. Potrebbero fuoriuscire tè oolong e tisana (tisane italiane e camomilla, disponibili in una varietà di colori). A quel tempo, puoi spiegare: “Il britannico è famoso, e qualche volta lo bevo mescolato al latte, ed è in una bustina di tè…”. È come scrivere un dizionario nella tua testa.
Quando passeggiavo nella città dell’Aquila con il mio padrone di casa, una volta mi è stato detto: “Attenzione perché questa è una strada pericolosa e c’è molto traffico”. Disse: “C’era un anziano che è morto dopo essere stato investito”. Ma non conoscevo il significato di investito. Poiché vestito significa vestiti e in significa “non”, l’ho interpretato come “una persona senza vestiti”. Tuttavia, la storia non si adatta. Non credo ci sia una connessione tra l’essere svestiti, cioè essere nudi e morire, e il pericolo della strada. È impossibile in questo contesto interpretarlo come aggredito da uno sconosciuto e svestito. Quindi il padrone di casa lo ha spiegato con attenzione, piuttosto che pubblicare un dizionario o cercarlo in Google Translate. “Questa è un’auto”, ha espresso l’auto con la mano destra. “Questa è una persona”, ha espresso una persona che cammina con la mano sinistra. La persona è andata sotto l’auto e ha spiegato di essere morto. In altre parole, significa “investire”. Con questa spiegazione ho potuto imparare velocemente il significato di investito, e da allora non l’ho più dimenticato.
Il padrone di casa non è un insegnante in una scuola di lingue e non sembra parlare correntemente le lingue straniere. Tuttavia, ha spiegato educatamente perché aveva la capacità di parafrasare. Naturalmente, se avesse conosciuto il giapponese, avrebbe potuto spiegare in giapponese che significava “travolto”. Tuttavia, imparare il metodo della parafrasi è straordinariamente più facile della difficoltà di imparare il giapponese.
Le capacità di parafrasi possono essere utilizzate anche quando uno straniero chiede: “Cosa significa?”

コメント / Commentare

タイトルとURLをコピーしました