ようこそ! / Benvenuti!

Poste Italiane è un AMORE, Traduttrice, insegnante di lingua giapponese, Blogger e Youtuber.
イタリアの郵便局(ポステ・イタリアーネ)を心から愛しています。翻訳者、日本語教師、ブロガー、YouTuber。
I love Poste Italiane (Italian Post Offices). Translator, teacher of Japanese language, Blogger and YouTuber.

I miei libri / 出版した本 / My books
スポンサーリンク / sponsorizzazione

NPO yamabuki Materiale Panoramica

スポンサーリンク / sponsorizzazione
NPO Bousai Italia
この記事は約43分で読めます。
スポンサーリンク / sponsorizzazione

5 febbraio 2022

Honoka Miki ·

annotazione

Il nome (NPO yamabuki) è un nome provvisorio fino all’ultimo.

スポンサーリンク / sponsorizzazione

1. Pensieri verso le attività

1-1.  Informazioni sulla prevenzione delle catastrofi

  • L’Italia è un paese con molti terremoti, e storicamente è stato gravemente danneggiato dai terremoti (1). A causa del gran numero di edifici storici e delle difficoltà finanziarie, la resistenza sismica in Giappone non è progredita (2, 3). Inoltre, non vi è sufficiente consapevolezza della prevenzione delle catastrofi tra i cittadini (4, 5). Pertanto, una volta che si verifica un terremoto, anche un terremoto di magnitudo 4 ucciderà (6). Il terremoto di Messina che si è verificato in Italia nel 1908 è stato il peggior terremoto dei tempi moderni, ma la maggior parte dei decessi non sono stati causati da tsunami superiori a 10 metri, ma perché gli edifici sono crollati a causa del terremoto (7). In contrasto con lo tsunami causato dal grande terremoto del Giappone orientale(8), si può vedere la vulnerabilità degli edifici italiani.
  • Per risolvere quanto sopra, penso che sia necessario sensibilizzare gli italiani sulla prevenzione dei disastri. Una volta che la consapevolezza della prevenzione delle catastrofi aumenta, il sostegno finanziario come paese si sposterà. Pertanto, penso che trasmettere l’importanza della prevenzione delle catastrofi e ciò che può essere fatto per la prevenzione dei disastri da parte dei singoli sia il modo migliore per rendere l’Italia un paese con misure avanzate di prevenzione delle catastrofi come il Giappone. Infatti, norcia, città che è stata danneggiata dal terremoto del Centro Italia nel 2016 ma non ha subito danni umani, sta imparando dal Giappone misure di prevenzione dei disastri (9).
  • Al fine di promuovere un tale movimento, sto pensando alle attività di conferenza, alla pubblicazione di libri, al funzionamento dei mezzi di informazione come siti e riviste di posta elettronica e alla pianificazione di viaggi di studio. Le attività di lezione sono condotte non solo dai nostri membri della direzione, ma anche invitando le persone che tengono lezioni. Per quanto riguarda la pubblicazione del libro, vorrei considerare se il libro può essere pubblicato a proprie spese o dall’Italia. Come mezzo di informazione, sto pensando a una sorta di mezzo Web (se creare il mio sito o utilizzare una piattaforma esistente). Oltre a invitare i giapponesi che sono effettivamente interessati alla prevenzione dei disastri in Italia nelle aree colpite da disastri in Italia, il tour di studio considera anche di invitare in Giappone gli italiani interessati alla prevenzione dei disastri in Giappone.

Articolo di riferimento

1 Elenco dei terremoti in Italia https://ja.m.wikipedia.org/wiki/%E3%82%A4%E3%82%BF%E3%83%AA%E3%82%A2%E3%81%AE%E5%9C%B0%E9%9C%87%E4%B8%80%E8%A6%A7

2. Perché le contromisure antisismiche in Italia sono in ritardo: “Edifici storici” e “difficoltà finanziarie” sono i muri

イタリアの地震対策が遅れている理由 | ロイター
イタリア中部は、世界で最も活発な地震活動地帯の1つであり、地震の震動が定期的に同国を貫く山脈を揺らしている。地震の多くは無視できるほど小さなものであり、何世紀も続くコミュニティーで感じられることはめ…

3 . Contromisure sismiche per il paesaggio storico italiano

イタリア 歴史的景観にも地震対策を | PROVAI.ciao
イタリアは日本同様地震国である。 2009年のアブルッツォ州ラクイラに続いて、今回もイタリア中部のウンブリアが震源地であった。 思い返せば1997年、サン・フランチェスコ教会が被害を受けたアッシジも、 同じくウンブリア州であった。 「イタリアを貫 ...続きを読む

4 .”L’Italia non ha una cultura della prevenzione delle catastrofi” Problemi pesanti nei paesi a rischio sismico Non progrediscono la resistenza ai terremoti e si bilanciano anche con la conservazione degli edifici storici

https://www.zakzak.co.jp/smp/society/foreign/news/20160828/frn1608281111002-s1.htm

5 Differenze tra Giappone e Italia nel terremoto dell’Italia centrale

イタリア中部地震に見る、日本とイタリアの違い | AmicaMako Blog
帰りのローマ~フィレンツェ間の高速道路を走っていたところ、何台ものパトカーがローマ方面へ立て続けに向かっているのを目撃しました。イタリア全土から災害地へ救助に向かっているのを目の当たりにし、地震が現実に身近で起こったことを実感しました。

6 Terremoto a Ischia, sud Italia, uccide due giovani tre fratelli

イタリア南部イスキア島で地震、二人死亡 幼い三人兄弟救出 - BBCニュース
イタリア南部ナポリ沖のリゾート地イスキア島で21日午後8時57分(日本時間22日午前3時57分)ごろ、マグニチュード4.0の地震があり、少なくとも女性二人が死亡し、39人が負傷した。一方で、捜索救助チームはがれきの中から、生後7カ月の赤ちゃんを無事救出した。

7 Disastri naturali (ISBN-10: 0893560820)

国立国会図書館オンライン | National Diet Library Online
国立国会図書館検索・申込オンラインサービ...

8 Il 65% delle morti del Grande terremoto del Giappone orientale, quasi tsunami, aveva più di 60 anni

東日本大震災の死者、ほぼ津波が原因 60歳以上が65%
東日本大震災で、岩手、宮城、福島3県警が11日までに年齢を確認した死者1万1108人のうち、65.2%が60歳以上だったことが19日、警察庁のまとめで分かった。検視の結果、死因は全体の92.5%が「溺死」だった。警察庁は死者の多くが「津波が原因」とみており、高齢化率の高い地域を一気に襲った今回の津波被害の特徴を改めて浮...

Terremoto 9 Italia: “Prevenzione disastri, imparare dal Giappone” Nolcia vicino epicentro, zero morti per misure

https://mainichi.jp/articles/20160830/ddp/012/030/015000c

1-2.  Informazioni sulla psicologia

  • In Italia, 15 persone sono morte nei due anni successivi al terremoto del 2016 (*La parola “suicidio” è troppo pesante, quindi la parola “automorte” è sempre più usata. Per i dettagli, 10. Vedi articolo stesso 11). A L’Ara, dove si è verificato il terremoto nel 2009, si dice che fino al 35% delle persone sia stato temporaneamente colpito da disturbo da stress post-traumatico (PTSD) (vedi 12). Original: Subito dopo il sisma, dal 15 al 35% della popolazione è stato colpito da disturbo post traumatico). Una persona che è morta in questo terremoto ha detto che “il terremoto mi ha tolto la vita” (13).
  • Inoltre, gli studenti che erano studenti all’epoca sono stati colpiti dal disturbo da stress post-traumatico (PTSD) in questo terremoto. “Ero al college, stordito e appoggiato alla panchina durante le lezioni.  In quel momento, ci fu la prima forte scossa (*scossa previsionale del terremoto dell’Aquila). Ero preoccupato ogni giorno che ci sarebbe stata un’ansia maggiore e che qualcosa sarebbe successo prima o poi”. Successivamente, ha avuto sintomi come vomito psicogeno, e anche dopo il terremoto, ha avuto sintomi come paura del suono e attacchi di panico, ma si è ripreso dopo aver ricevuto la psicoterapia (14). Nel 2009, il terremoto dell’Aquila è stato un terremoto sciame, e molti residenti erano terrorizzati perché si trattava di un terremoto (scossa principale) che si è verificato dopo la scossa anteriore durata più di quattro mesi. È ben parlato dai miei amici.
  • In questo modo, i problemi psicologici che circondano l’Italia sono un problema importante. Voglio che tu mi racconti la mia esperienza qui. Ho anche malattie mentali (probabilmente PTSD, ma non una diagnosi chiara). Più utile dei farmaci psichiatrici o della terapia cognitivo-comportamentale o della terapia di esposizione, era un gruppo di auto-aiuto per le persone con malattie mentali che partecipavano su Facebook, Twitter, ecc. All’epoca (il gruppo di Facebook non era solo un gruppo giapponese chiamato “espirare malati di mente”, Partecipa inoltre a vari gruppi italiani. Su Twitter, si è unito a un gruppo chiamato SickNotWeak nel Regno Unito. Ho anche usato un’app di un gruppo di auto-aiuto chiamato TalkLife.)
  • Un gruppo di auto-aiuto non è un medico specialista o una psicoterapia, ma una persona con sintomi simili che lo sta operando per l’assistenza reciproca. Un tale gruppo di auto-aiuto mi ha sostenuto ed è diventato un grande potere superare giorni dolorosi. La farmacoterapia costa denaro e i farmaci hanno effetti collaterali, che possono essere fisicamente gravosi. Alcune persone non hanno ancora familiarità con la psicoterapia in Giappone e non possono essere efficaci. Ad esempio, tendo ad essere un disturbo dello sviluppo, quindi EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing: Desensitization and Reprocessing by eye movement 。 Il disturbo da stress post-traumatico (efficace per il PTSD) non è un’indicazione perché è affetto da ipersensibilità sensoriale, una caratteristica dei disturbi dello sviluppo. I gruppi di auto-aiuto sono fondamentalmente gratuiti (tutto ciò a cui ho partecipato era gratuito), quindi non c’è alcun onere finanziario. La maggior parte del gruppo è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 (tutto ciò a cui ho partecipato era), quindi è disponibile ogni volta che voglio aiuto mentale. Inoltre, puoi sentire la “voce cruda” di persone che soffrono della stessa malattia, che non sono poste in una posizione specifica di medico o psicologo. Almeno per me, quando dico “Non riesco a dormire”, non è che ti darò un sonnifero, non è vero? In tal caso, è bene ascoltare musica” e il consiglio è stato molto efficace (non voglio negarlo perché ci sono anche benefici alla farmacoterapia).
  • È un senso di autoaffermazione che la persona che ha la malattia mentale è insufficiente. Ho visto molti amici che pensano: “Sono qui è fastidioso, non sono una persona che merita aiuto, quindi faresti meglio a morire senza fare affidamento su nessuno”, e in effetti l’ho fatto io stesso. In una tale condizione è difficile ricorrere alla farmacoterapia e alla psicoterapia. A quel tempo, “Non è una debolezza avere una malattia mentale, è inevitabile perché è malato, c’è stato un momento in cui lo pensavo, e ho avuto quell’esperienza. Quindi puoi fare affidamento su di me, indirettamente da un gruppo di auto-aiuto, che è stata una grande forza per me.
  • Inoltre, un’amica che ho incontrato su Facebook (non da un gruppo di auto-aiuto) e una vittima del terremoto, mi ha detto: “Sei forte, quindi sono sicuro che lo supererai!” Non capisco quanto io sia stato supportato dalla parola anche se diceva. Non solo, dice: “Ogni volta che succede qualcosa, affidati a me”, e mi ha mandato messaggi per quasi tre anni. L’ho appena incontrato l’altro giorno. Tuttavia, è abbastanza difficile incontrare tali amici da soli, quindi vorrei creare un gruppo di auto-aiuto che creerà una tale connessione. Sono decisamente felice di essermi ripreso finora.
  • Voglio creare una piattaforma sotto forma di un gruppo di auto-aiuto che crei una tale connessione che lei mi abbia aiutato. Come gruppo di auto-aiuto per sostenere psicologicamente le vittime del terremoto, vorremmo tenere eventi offline e gestione di gruppi online.

Articolo di riferimento

10 “Suicidio” → “auto-morte” parafrasate una dopo l’altra I governi locali considerano i sentimenti delle famiglie in lutto

「自殺」→「自死」言い換え相次ぐ 自治体、遺族感情に配慮
公文書などで自殺を「自死」と言い換える自治体が相次いでいる。「『自殺』には命を粗末にした、という印象があり、残された者が一段と傷つく」との声が一部の遺族から上がっているためだ。ただ、支援団体などからは「イメージを和らげることになり、予防の観点からは良くない」との意見もあり、議論が続いている。宮城県は1月、公文書や啓発文...

11 Un sisma che ha ucciso e che continua a farlo: 15 suicidi in due anni

Un sisma che ha ucciso e che continua a farlo: 15 suicidi in due anni - Picchio News - Il giornale tra la gente per la gente
Un sisma che ha ucciso e continua a farlo. È di pochi giorni fa, dello scorso 22 novembre, l'ultimo suicidio, il quindicesimo, che...

12 L’Aquila: salute mentale, «A 10 anni dal sisma le ferite iniziano a guarire»«»

L'Aquila: salute mentale, «A 10 anni dal sisma le ferite iniziano a guarire»«»
Aquilani popolo di resilienti a 10 anni dal sisma che nel 2009 ha distrutto la città e il suo tessuto sociale. A confermarlo è la professoressa Rita Roncone, di...

13 L’Aquila, ex alpino si dà fuoco: «Il terremoto mi ha rovinato la vita»

L'Aquila, ex alpino si dà fuoco: «Il terremoto mi ha rovinato la vita»
L'Aquila, ex alpino si dà fuoco: «Il terremoto mi ha rovinato la vita»

14 Il disturbo post-traumatico da stress e il terremoto. Solo la terapia ti solleva dall’ansia

"Dopo L'Aquila, il mio terremoto non è mai finito. Ora sono libero ma mi ha stravolto la vita"
"Dopo L'Aquila, il mio terremoto non è mai finito. Ora sono libero ma mi ha stravolto la vita"

1-3.  Cooperazione internazionale

  • Per il momento, le nostre attività si sono concentrate sull’Italia, ma se lo farà, faremo lo stesso in Giappone, e se lo farà, guarderemo al mondo. La mia idea di cooperazione internazionale è quella di promuovere la comprensione interculturale. L’approccio specifico a cui sto pensando è il turismo, la lingua e le attività di storytelling. Penso che questo porterà alla “ricostruzione mentale” nelle aree colpite dal disastro.
  • Per quanto riguarda il turismo, la città di Laquila nel centro Italia (ovviamente, non è solo L’Aquila, ma per il momento), che si propone come luogo di attività promuovendo il turismo, il numero di turisti è diminuito a causa degli effetti del terremoto del 2009. Sebbene L’Aquila non fosse una città famosa tra gli stranieri, l’immagine di “L’Aquila = zona disastrata del terremoto” preceduta dal terremoto. Penso che sarebbe molto triste se la città in cui vivo, la città che amo e la città dove ci sono persone importanti e le cose sono discusse solo dall’immagine della “zona disastrata del terremoto”. Per farlo è necessario trasmettere il fascino dell’Aquila. Vorrei dire sia a livello nazionale che internazionale che L’Aquila ha chiese e fontane così belle, cibo delizioso e connessioni di persone forti e gentili. Ci deve essere il fascino della risolutiva aquilana che Media non trasmette mai. Man mano che le persone vengono a L’Aquila e lasciano cadere i soldi, i posti di lavoro e le industrie persi torneranno a L’Aquila. Penso che il turismo abbia un futuro come un modo per sostenere la città, non solo per raccogliere fondi per i lavori di ripristino del terremoto. Nello specifico, fanno guide turistiche, realizzano guide e creano siti web che trasmettono il fascino de L’Aquila.
  • Per quanto riguarda la lingua, c’è un bellissimo dialetto aquilano. Purtroppo, tutti i materiali didattici per l’apprendimento del dialetto sono scritti in italiano. Anche se io stesso volevo imparare il dialetto aquilano, ho avuto difficoltà a trovare una gamma completa di materiali didattici. Per questo motivo, vorremmo creare una piattaforma che possa insegnarsi a vicenda i dialetti (non limitati ai dialetti aquilani) con le app web. Inoltre, vorrei pubblicare un libro che possa imparare le basi del dialetto aquilano in giapponese e inglese (mi piacerebbe farlo in un modo che non costi un costo di pubblicazione. Mogen Books e kindle books). Tuttavia, questa non è tanto un’attività npo, ma anche qualcosa che voglio fare personalmente.
  • Per quanto riguarda le attività di storytelling, l’Italia non è così popolare come il Giappone per aver parlato delle loro esperienze come “narratori”. Conoscere l’esperienza del terremoto non solo porta alla prevenzione futura dei disastri facendo uso delle lezioni apprese dal passato, ma ha anche un effetto purificante che può organizzare i ricordi dolorosi facendoli parlare con loro (la terapia dell’esposizione ecc. viene effettuata in questo modo di pensare). Per questo motivo, vorremmo creare una piattaforma che consenta alle vittime del disastro di condurre attività di storytelling sia in Giappone che all’estero.

2. Panoramica di Onlus

2-1.  sommario

Un riassunto di npo yamabuki (nome provvisorio) è scritto qui.

  • Onlus operava sotto il tema della “Cooperazione Internazionale × Prevenzione dei Disastri × Psicologia” ambientata in Italia (preparazione per incorporazione, ecc.)
  • Disaster Prevention → Diffonderemo know-how sulla prevenzione delle catastrofi, metodi dettagliati su come prepararsi personalmente ai disastri e prevenzione delle catastrofi (cioè la necessità e l’utilità di prepararsi in anticipo ai disastri) in Italia, dove la cultura della prevenzione dei disastri  non ha messo radici. Scopri in anticipo la necessità di prepararti per i disastri. Offriremo opportunità per parlare delle esperienze delle vittime italiane sia a livello nazionale che internazionale, e fare uso delle loro esperienze per la prossima generazione.
  • Psicologia → Non avere tutte le vittime che hanno traumi o dolore. Ridurre la percentuale di suicidi e malattie mentali eliminando la solitudine delle vittime. Creare un luogo in cui le vittime di disastri possano connettersi e dove si possa chiedere loro aiuto (uno spazio comune che può venire in qualsiasi momento). Il suo spazio comune è fondamentalmente aperto e vuoi essere bravo in qualsiasi momento. Potrebbe anche esistere, anche se creerebbe una piattaforma che consentirebbe alle vittime di contattare psicologi e psichiatri.
  • Cooperazione internazionale → Creare un luogo in cui le vittime e le persone mentalmente disabili possano esporre e vendere le loro opere. Alla fine, queste attività saranno diffuse in paesi diversi dall’Italia e dal Giappone. Le opere includono dipinti, opere d’arte, musica, romanzi e poesie.
  • Obiettivo di incorporazione entro il 2025

2-2.  Auto-introduzione rappresentativa

  • Nome: Honoka Miki
  • Età: Nata nel 2001
  • Ora iscritta: Università dell’Aquila
  • Lavoro attuale: Traduttore, Insegnante di lingua giapponese
  • Lingue parlate: Giapponese, Inglese, Italiano
  • Lingue di interesse: francese, spagnolo, cinese, coreano
  • Esperienza di studio all’estero: al liceo, ha studiato all’estero in Australia (ufficialmente pagato per la prefettura di osaka) e ha studiato in un’università italiana (studiare regolarmente all’estero significa che prendi, passi e ti laurei in un’università locale come sinonimo di un programma di scambio mentre sei iscritto a un’università giapponese)
  • Hobby: corrispondenza con l’estero, scambio internazionale, apprendimento delle lingue, musica, fotografia

3. La necessità

3-1.  Parole effettivamente ascoltate dalle vittime

Qui, scrivo delle parole che ho effettivamente sentito dalle vittime e di ciò che le vittime stavano parlando alla stampa.

  • “Non sono pronto ad evacuare, puoi pensarci sul posto dopo esserti svegliato.” “Non c’è niente che possiamo fare perché Dio ci salverà”.
  • “L’edilizia abitativa giapponese è resiliente ai disastri, ma qui è diverso, non possiamo farne a meno”. “Se il Giappone ha una tecnologia per la riduzione del rischio di catastrofi in Italia, meno persone perderanno la vita”.
  • “Il governo italiano ha detto: ‘Non lasceremo le vittime da sole'”, ma tutto ciò che in realtà ci raggiunge è un rapporto per pagare le tasse”. “Dopo 20 anni di duro lavoro, ho finalmente comprato una casa che era il mio sogno, ma è crollata, il paese non ci aiuterà”.
  • “Il Natale, dove devo trascorrere da solo al SAE, è la cosa più triste.” *SAE = alloggi temporanei
  • “Ogni anno, ogni volta che arriva il 6 aprile, e ogni piccola scossa si verifica, penso al terremoto.”

In sintesi, le vittime non si aspettano più l’assistenza del governo. In effetti, il primo ministro Blarusconi può aver fatto bene contro L’Aquila, e in effetti, lo dicono i cittadini dell’Aquila, ma le vittime apprezzano che Renzi e altri non abbiano fornito attivamente sostegno alle aree colpite dal disastro.

3-2.  Suicidio delle vittime

  • Sebbene i dati siano un po’ vecchi, il suicidio dell’automorte causato dal terremoto si è verificato nel solo terremoto dell’Italia centrale nel solo 2016. Certo, è impossibile spiegare perché hanno fatto una tale scelta in frasi semplici, ma ciò che hanno in comune è che sono stati colpiti dal terremoto, ad esempio, disperati o in uno stato di grinta, temuti, o il trauma non è scomparso, e una tale condizione non poteva reggere e ha causato dolore significativo. Lo è. E, è stato giudicato, “Non c’era altra opzione che il suicidio”. Le persone mentalmente sane possono giudicare che ci sono molte soluzioni a questo problema, e scegliamo quella più sana e socialmente riconosciuta, ma è impossibile per coloro che sono abbastanza messi alle strette contemplare il suicidio. Un’altra cosa che posso dire è che il 90% di coloro che si sono suicidati sono stati effettivamente diagnosticati con malattie mentali o erano in uno stato in cui potevano.
  • Ci sono tre modi per intervenire nel suicidio. prevenzione, installazione, postvention.
  • la prevenzione è un intervento per prevenire il suicidio, cioè per prevenire il suicidio. Ad esempio, creeremo banchi di consultazione per la prevenzione del suicidio, preverremo l’isolamento e creeremo luoghi, meccanismi e sistemi su cui le persone possono fare affidamento psichiatricamente e psicologicamente.
  • l’intervento consiste nell’intervenire quando il suicidio sta per accadere. Ad esempio, l’assistenza da parte di ambulanze e polizia (polizia, carabinieri). Lo scopo è quello di rimuovere il pericolo dalla persona che sta cercando di suicidarsi.  Anche il ricovero forzato (TSO) e  l’ospedalizzazione volontaria in psichiatria (SPDC) sono opzioni.
  • postvention è un intervento per ridurre al minimo i danni dopo che il suicidio si è verificato in modo sfortunato. Quando il suicidio si verifica effettivamente, coloro che sono rimasti indietro che sono in giro possono avere una profonda reazione di crepacuore. L’obiettivo è quello di intervenire nella salute mentale di tali persone e prevenire il suicidio e i disturbi della salute mentale. Il gruppo di auto-aiuto ecc. della famiglia in lutto per l’auto-morte corrisponde a questo.
  • E la ONLUS vuole essere in grado di intervenire in ognuno di essi. Nessuno dei seguenti è limitato alle persone colpite dal terremoto.
  • Quello che possiamo fare nella prevenzione è dire loro che “puoi fare affidamento sulle persone quando la tua salute mentale non sta bene” e che “chiedere aiuto non è imbarazzante”, e creare un luogo in cui si riuniscono le persone con difficoltà mentali. È organizzare i sentimenti rendendo le esperienze difficili e dolorose un’opera d’arte.
  • Nel caso di intervento, non siamo un’organizzazione specializzata in psichiatria e psicologia, quindi la pratica medica non può essere eseguita, ma possiamo temporaneamente contribuire a garantire la loro sicurezza e trasportarli in ambulanza sul posto. Quando stanno contemplando il suicidio, farli venire nel nostro spazio comune può almeno rimuovere il pericolo fisico da loro.
  • Nell’ambiente, è possibile fornire un luogo in cui le famiglie auto-decedute possono riunirsi.

riferimento:

Un sisma che ha ucciso e che continua a farlo: 15 suicidi in due anni - Picchio News - Il giornale tra la gente per la gente
Un sisma che ha ucciso e continua a farlo. È di pochi giorni fa, dello scorso 22 novembre, l'ultimo suicidio, il quindicesimo, che...

Yoshitomo Takahashi “Il suicidio e le persone che sono state lasciate indietro”

Kentoku Zhang “Perché le persone si suicidano?”

Yoshitomo Takahashi, Fukuma Dettagli “Suicide Postbension”

4. Il mondo che vogliamo realizzare

4-1.  prevenzione delle catastrofi

  • La necessità di prevenzione dei disastri viene trasmessa in Italia e nel mondo, riducendo al minimo i danni in caso di terremoto e fornendo informazioni in modo che la migliore risposta possa essere fatta sul posto. L’obiettivo è quello di riformare la consapevolezza dell’Italia nel suo complesso veicolando modi per rispondere personalmente il più possibile. Se la necessità di prevenzione dei disastri non viene comunicata ai cittadini italiani, i progetti nazionali non si muoveranno.
  • Fornendo un luogo in cui le vittime di disastri possono trasmettere le loro esperienze (se lo si desidera), porterà a organizzare esperienze dolorose del passato mentre parlano. Confrontarlo con altre vittime di disastri con le proprie esperienze porta a riflettere obiettivamente sugli eventi. Sarà una preziosa storia di esperienza per il grande pubblico, e si tratta di essere in grado di lavorare sulla prevenzione delle catastrofi con indipendenza. In Giappone, è comune per le persone sopravvissute a guerre e disastri parlare delle loro esperienze, e parlano con i bambini e tengono lezioni nelle scuole. Le loro opinioni sono soggettive e hanno arbitrarietà, pregiudizi ed errori, ma sono di alto valore perché sono informazioni primarie. Inoltre, la storia che è diventata una storia è facile da capire, più facile da capire come realtà e persuasiva.
  • Ho sentito parole non profuse nel vedere persone perdere la vita nei resoconti del terremoto visti sulla televisione e sui giornali giapponesi, ma non voglio che gli altri provino quella sensazione in quel modo. C’è. È chiaro che la famiglia in lutto è più dura di me, ma quante altre persone in Italia cambieranno se muoiono? Quanti altri disastri dovrebbero verificarsi affinché l’Italia diventi un paese con un’alta consapevolezza della riduzione del rischio di catastrofi come il Giappone e la cultura della prevenzione dei disastri per radicarsi nei cittadini? Se fossero nati in Giappone, avrebbero potuto essere salvati, ma sicuramente non voglio più vedere questo look! E la famiglia in lutto non dovrebbe mai volere che il numero di persone che hanno tali sentimenti aumenti di nuovo. Se non facciamo qualcosa prima, l’Italia non cambierà. La stessa cosa accade di nuovo, e qualcuno perde di nuovo la vita. Di conseguenza, il suicidio si verifica di nuovo e nascono nuove famiglie in lutto (a causa del disastro stesso e del suicidio). Una cosa del genere non dovrebbe mai accadere.

4-2. Psicologia

  • Prevenire la solitudine e il suicidio delle vittime. Dice che creare un ambiente in cui le persone possano dire “aiuto” e chiedere aiuto non è mai imbarazzante o debole. Ci devono essere persone che lo stanno effettivamente chiedendo proprio come io sono stato salvato da una cosa del genere. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS  ) afferma che il suicidio può essere prevenuto.
  • In Giappone, stiamo iniziando a concentrarci sulle misure di solitudine, e una ONLUS chiamata “Your Ibasho” sta aprendo la strada, ma voglio fare qualcosa di simile in Italia (ci sono agenzie amministrative specializzate in misure di solitudine nel Regno Unito in un paese relativamente avanzato).
  • Vogliamo garantire che vengano eseguite le cure mediche e psicologiche necessarie per coloro che ne hanno bisogno. Voglio eliminare il più possibile le barriere personali (ad esempio sentimenti come l’imbarazzo di andare in psichiatria)

4-3.  cooperazione internazionale

  • Creare un sistema che consenta alle vittime di disastri e alle persone con disabilità (principalmente disabili mentali) di presentare le loro esperienze e sentimenti dolorosi come opere ed esporle e venderle.
  • Opere → dipinti, libri, artigianato, musica, ecc.
  • Mostralo in un museo online in modo che possa essere venduto e donato
  • Alla fine, creeremo un museo offline in modo che le persone possano effettivamente vedere l’opera.
  • Come il Museo del Terremoto di Venzone, vorrei esporre sul terremoto (voci delle vittime, foto reali, ecc.) eventualmente (giapponese, inglese, italiano)

コメント / Commentare

タイトルとURLをコピーしました