ようこそ! / Benvenuti!

Poste Italiane è un AMORE, Traduttrice, insegnante di lingua giapponese, Blogger e Youtuber.
イタリアの郵便局(ポステ・イタリアーネ)を心から愛しています。翻訳者、日本語教師、ブロガー、YouTuber。
I love Poste Italiane (Italian Post Offices). Translator, teacher of Japanese language, Blogger and YouTuber.

I miei libri / 出版した本 / My books
スポンサーリンク / sponsorizzazione

“Sorridere sempre” è autoinganno, un messaggio per coloro che hanno perso il colore

スポンサーリンク / sponsorizzazione
landscape photograph of body of water senza categoria
Photo by Kellie Churchman on Pexels.com
この記事は約8分で読めます。
スポンサーリンク / sponsorizzazione

Come hobby, mi piace leggere le presentazioni di altre persone. È tutto scritto nell’auto-presentazione, che tipo di persona giudichi e ti posizioni. Hai una personalità brillante o una personalità oscura? Sei una persona con un’abitudine o sei più normale? Il luogo in cui tutte queste cose sono scritte è l’auto-introduzione.

Nella rubrica di autopresentazione, vedo spesso persone che scrivono cose del genere.

“Sono il tipo di persona che sorride molto, anche se è banale. Per questo voglio che le persone (amici e amanti) al mio fianco sorridano sempre. Se continui a sorridere, penso che sarai in grado di superarlo”.

Ma come sa chi ha vissuto 15 anni di vita, non è così facile buttare tutto nella spazzatura. “Ti racconto tutti i miei problemi e li condivido in modo che possano essere gettati nella spazzatura e io possa essere più minimalista”, dicono. Tuttavia, tali amicizie convenienti, in altre parole, “cassoni delle preoccupazioni” non esistono.

Ad esempio, se mi succede qualcosa di veramente brutto e c’è una persona accanto a me con un sorriso smagliante sul viso, sono sicuro che avrò l’impulso di abbatterlo. Questo perché voglio chiedere: “Perché ridi così facilmente quando provo tanto dolore? Capisci il mio dolore?” Certo, so che non è così. Almeno per me l’importante non è solo un sorriso meccanico, artificioso, ma qualcuno che mi dia consigli chiari e che pianga con me nel mare del dolore. Non è “falsa pace, tranquillità, calma” ottenuta sacrificando forzatamente la propria volontà. La vita ha le onde. Quindi surfa quell’onda. Non devi costringerti a fermare le onde. Perché la vita è un oceano, non un lago.

È impossibile continuare a sorridere tutto il tempo. Se sei vivo, lo saprai subito. Fallimento agli esami, crepacuore, rimproveri irragionevoli al lavoro, cose così spiacevoli accadranno inevitabilmente nella vita. Potrebbero succedere cose peggiori. Ad esempio, la perdita improvvisa di una persona cara o la perdita di un mezzo di sussistenza. Credo fermamente che sia la cosa più crudele dire in questi momenti: “Non dovresti piangere, dai, ridi”.

In altre parole, sorridere sempre significa mentire a se stessi. Una vita finta è vuota. Pertanto, per riempire quel vuoto, spero che anche l’altra parte senta il dolore del vuoto. Così la comunità lavora la mente per sopportare il dolore del vuoto. Dopo tutto, vogliono la stessa cosa. “Voglio condividere il mio dolore”. A tale scopo, anche l’altra parte installa un cuore meccanico. Non sopporto tanta codardia. Quel tipo di autoinganno è una delle cose che odio di più. Non c’è futuro dopo aver ingannato te stesso. Rende solo la vita più difficile.

Nella psicologia adleriana, “La libertà deve essere antipatica agli altri”. Non sono un grande fan della psicologia adleriana, ma penso che questo argomento faccia capire il punto. Per essere liberi, è prima necessario non vincolarsi. Quando ti leghi, ovviamente fa male. Questo dolore è la vita. Tuttavia, è solo attraverso questo dolore (essere antipatico agli altri) che si può ottenere la libertà. Un sorriso falso è una manifestazione della tua volontà di piacere a tutti. Ciò che temono è che la calma sulla superficie dell’acqua venga interrotta e la natura aspra ritorni con le onde. Ciò che temono è essere antipatico a qualcuno. Pertanto, per non essere almeno odiato, perdo la mia libertà (cioè essere onesto con i miei sentimenti e non ingannare me stesso) e metto un sorriso falso. Tuttavia, la relazione non è altro che una relazione di “chiunque sta bene”, dopo tutto.

“Se sorridi solo accanto a me, per me va bene.” Ci sono parecchie persone che accettano questa condizione. Per questo motivo, voglio una relazione sempre sorridente, come il cosiddetto marito Kanpaku o il patriarcato. Come ho detto prima, è una relazione falsa e non c’è amore. Questo perché non rispettano gli altri e cercano di manipolare gli altri secondo la loro volontà. Tuttavia, vuole solo stare alzata fino a tardi per se stessa, svegliarsi prima di lei e dedicarsi al suo partner.

Per fare un esempio facile da capire, una persona che vuole che tu sorrida sempre è come chiedere all’altra persona di stare dritta. Tutti sanno (anche se la persona chiude un occhio) che è impossibile. Però perché quella postura è più bella, e se la guardo sono felice. “Come persona che lavora in una casa di cura, tutto ciò che voglio è che le persone anziane che usano i miei servizi sorridano sempre”.

“Sempre sorridente” non è mai un punto di forza. Perché è un’illusione costruita sul sacrificio di sé e sull’autoinganno.

コメント / Commentare

タイトルとURLをコピーしました